Home > About Arval > News > Guidare Inverno I Consigli La Massima Sicurezza

Guidare in inverno, i consigli per la massima sicurezza

Guidare in inverno, i consigli per la massima sicurezza

Guide e consigli utili
Giovedì, Dicembre 3, 2015

in collaborazione con Motorionline

 

Siamo ormai a Dicembre e dopo un periodo di temperature più alte del normale, sono arrivati i primi freddi nel vero senso della parola. Esattamente come diventa necessario fare il cambio di stagione nell’armadio, anche le automobili necessitano di cure e attenzioni extra nel periodo più duro dell’anno; in primo luogo il montaggio degli pneumatici invernali (obbligatorio dal 15 novembre scorso), che rappresenta però solamente uno degli aspetti della guida invernale. Avere le gomme adatte per ghiaccio e neve, seppur fondamentale, non è ancora sufficiente per poter davvero circolare senza problemi. Sono diverse le cose a cui fare attenzione, spesso molto diverse tra loro. Si va dallo stile di guida a come utilizzare alcuni aiuti e sistemi di sicurezza.

Prima di tutto bisogna pensare alla temperatura, ma anche sotto aspetti che forse non si è abituati a considerare. In inverno, ad esempio, conviene togliersi la giacca: alcuni cappotti, soprattutto quelli più voluminosi o le giacche a vento, impediscono di muoversi in maniera naturale e questo può rappresentare un grosso problema. Appena l’auto si sarà scaldata conviene togliersi la giacca pesante, così da avere sempre piena libertà di movimento nel caso in cui un evento sfortunato richieda immediatamente tutta la nostra prontezza di riflessi. 
Conviene inoltre ricordare di aggiungere 5-10 minuti ad ogni viaggio se si prende l’auto per la prima volta nella giornata, così da avere tempo di sbrinare il mezzo e garantire in questo modo la massima visibilità. A questo proposito bisogna prestare attenzione alle spazzole dei tergicristalli: se iniziano a non funzionare più bene, potrebbe essere l’ora di pulire a fondo il parabrezza oppure di sostituirle. 

Un aspetto molto importante della guida in inverno, inoltre, sono le luci. Si deve prima di tutto considerare che nella maggior parte del periodo invernale la notte scende molto presto, di solito prima della chiusura effettiva di negozi e uffici e questo sposta le ore di punta della giornata media in momenti in cui la visibilità si riduce. Non basta che le luci illuminino la strada davanti a noi: avere o meno le luci accese significa anche segnalare la propria presenza alle altre auto, che così possono regolarsi di conseguenza. Lo stesso concetto, seppur spesso ignorato, riguarda anche le biciclette.

Per quanto riguarda il fondo stradale, in inverno si formano spesso delle lastre di ghiaccio sulla strada, a volte virtualmente invisibili. Passarci sopra con la ruota significa perdere completamente di aderenza per diversi secondi, causando danni serissimi in caso di velocità elevate. I sistemi di sicurezza come ESP e ABS servono poco in questi casi. È consigliabile per tutti seguire almeno una volta un corso di guida sicura per sapere come reagire, o almeno fare un po’ di pratica su una strada privata e sicura in modo da essere pronti nell’istante in cui si perda il grip durante un viaggio vero e proprio; bisogna prestare massima attenzione anche ai binari del tram le cui rotaie metalliche possono diventare molto scivolose con le basse temperature.

Infine, se si deve affrontare una salita ripida bisogna ricordare di non lasciare mai troppo repentinamente il gas: una perdita di slancio, infatti, potrebbe risolversi in un blocco permanente. Potrebbe essere utile togliere il controllo di stabilità, che rischia di imbrigliare eccessivamente il motore. In discesa invece conviene tenere marce basse con un piede leggerissimo sul freno. Infine è sempre un’ottima idea fare un po’ di pratica, dove possibile, per abituarsi a controllare sovrasterzo e sottosterzo.