Home > About Arval > News > Pechino Parigi 2016 Il 13 14 Luglio Il Passaggio Italia

Pechino-Parigi 2016: il 13-14 luglio il passaggio in Italia

Pechino-Parigi 2016: il 13-14 luglio il passaggio in Italia

Al volante
Lunedì, Luglio 11, 2016

in collaborazione con Motorionline

Tappe finali per il rally storico Pechino-Parigi, che i prossimi 13 e 14 luglio farà tappa proprio nel nostro Paese, più precisamente a San Martino di Castrozza per poi proseguire fino a Saint Moritz e continuare alla volta di Parigi.
Le 110 auto che faranno il loro passaggio sulle nostre strade, hanno già percorso ben 11.000 km di percorso e oltre 2.000 ancora ne mancheranno ancora prima della conclusione. Un itinerario a tappe forzate, ma dal fascino unico e inimitabile, per una competizione che forse non ha pari nel mondo.

La Pechino-Parigi quest’anno è giunta alla sua sesta edizione e sono stati necessari ben tre anni per organizzarla al meglio. Si tratta di un percorso di 13.695 km che parte dalla Grande Muraglia cinese e attraversa tutta l’Eurasia, passando oltre che per la Cina anche da Mongolia, Russia, Bielorussia, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Italia, Svizzera e Francia. Un percorso che sarebbe decisamente complicato fare anche su strade ad alta percorrenza, che non sempre sono disponibili nelle regioni più remote. Nella Peking to Paris, ci si diverte a mettersi alla prova e per questo sono stati scelti percorsi impegnativi, in grado di rappresentare una sfida sia gli equipaggi che le loro auto.

Proprio delle vetture vale la pena parlare, perché abbiamo a che fare con una collezione di 110 mezzi che definire eccezionali sarebbe far loro ancora torto. Per fare qualche esempio, la vettura più vecchia in assoluto è un’American LaFrance (casa del South Carolina fondata nel 1873 e chiusa nel 2014) prodotta nel 1915 e dotata di un motore da 14.500 cc di cilindrata. Caratteristiche assolutamente inimmaginabili al giorno d’oggi e che rispondevano a esigenze completamente diverse a livello di sperimentazione ed evoluzione (il cuore della produzione della casa era infatti nei camion dei pompieri). La più recente, invece, è una Peugeot 504 Ti datata 1978. Si tratta quindi di una gara storica in grado di abbracciare quasi tutta la storia delle quattro ruote.

Naturalmente non potevano mancare gli equipaggi italiani. Sono ben sette le coppie di nostri compatrioti che si sono cimentati in questa prova davvero impegnativa per macchine e fisico, a bordo di vetture eccezionali. La più vecchia era una Chevrolet Int. Tourer risalente al 1930, guidata dalla coppia Nocera-Foglia. Le altre vetture, però, non erano certo da meno, grazie all’Alfa Romeo Giulia Super 1290 del ’71 di Schon-Tonetti, la medesima auto del ’73 della coppia Chiodi-Degli Espositi, la Giulietta TI 1290 del ’69 di Cajani-Morteo, la Giulia Super 1290 del ’73 di Puddu-Castellini, la Giulia SuperBerlina 2.000 del ’73 di Francesco e Alessandro Guasti e, infine, la BMW 518 del ’74 di Cavalli-Gentile.