Home > About Arval > News > Volkswagen T Roc Crossover

T-Roc: nuovo Crossover con tutto lo stile Volkswagen

T-Roc: nuovo Crossover con tutto lo stile Volkswagen

Novità auto
Giovedì, Settembre 6, 2018

Il mondo dei crossover è ormai talmente popolato che sta diventando davvero difficile proporre qualcosa di estremamente valido e al tempo stesso originale. La Volkswagen T-Roc però ci riesce, grazie alla sua capacità di unire diversi elementi della produzione della casa di Wolfsburg, reinventadoli e ottimizzandoli per creare l’auto ideale da usare sia nel quotidiano che durante i lunghi viaggi.
 

A discapito delle misure (423 cm, 2 cm in meno della Golf), il suo bagagliaio spazioso parte da un minimo di 445 litri (contro i 380 della Golf) e arriva ad un apice di 1.237 l.
 

Il tutto sugellato da un look decisamente moderno e giovanile, che non tradisce però lo stile della casa tedesca. Basti pensare che, dal punto di vista delle colorazioni, sono disponibili ben 24 diverse combinazioni, grazie alla possibilità di giocare con il contrasto cromatico del tetto. Sul muso notiamo la griglia già vista sulle altre vetture della casa, tenuta insieme dai gruppi ottici a LED che ne compongono la firma luminosa. Le linee sono piuttosto scolpite e muscolose, in particolare sui lati e la finestratura è completata da un’elegante profilo cromato che la percorre quasi completamente. Sul retro la vettura conferma il suo stile e la sua personalità, grazie a un paraurti tipico del fuoristrada e un sapiente gioco di più resistenti elementi in plastica nera e altre zone più delicate, ma eleganti.
 

L’abitacolo interno è forse l’aspetto che più di tutti ricorda la Polo, presenta quindi una buona abitabilità arricchita da materiali ben studiati e di qualità. Non mancano ovviamente diverse plastiche dure, forse l’unico vero punto di distacco dalla Golf, che si presenta sensibilmente più rifinita. Al centro si trova il sistema di infotainment con display da 8 pollici, con la possibilità di collegare via mirroring il proprio smartphone ed evitare di dover acquistare come optional il navigatore GPS. Da notare inoltre la possibilità di equipaggiare l’apprezzatissimo Active Info Display, che sostituisce il quadro comandi analogico con uno completamente digitale. Discreto lo spazio per i passeggeri posteriori, con il quinto posto leggermente più sacrificato rispetto agli altri.
 

Dal punto di vista dei motori, la possibilità di scelta non manca. Il modello di base è il 1.000 da 115 Cv di potenza, che dovrebbe rappresentare la scelta ideale per chi cerca la massima efficienza, rifuggendo magari dalle nuove norme urbane che stanno sempre più penalizzando i motori a gasolio. Alzando l’asticella della potenza si arriva al 1.500 da 150 Cv. Entrambi sono disponibili con la trazione anteriore e il cambio manuale, ma il 150 Cv può montare anche l’automatico DSG. Tra i diesel, invece, attualmente si trovano solamente il 2.000 da 150 Cv, che però è anche l’unico a poter godere della trazione integrale 4 Motion (una bella novità anche rispetto alla diretta concorrenza). In futuro arriveranno anche il 1.600 da 115 Cv e il 2.000 da 190 Cv.