Home > About Arval > News > Progetto Impatto Zeror Un Impegno Concreto Di Arval Lambiente

Progetto Impatto Zero®: un impegno concreto di Arval per l’ambiente

Progetto Impatto Zero®: un impegno concreto di Arval per l’ambiente

Mondo Arval
Lunedì, Febbraio 29, 2016

La sostenibilità ambientale è uno dei principali pilastri della politica di CSR (Corporate Social Responsibility) non solo di Arval ma del gruppo BNP Paribas a livello globale ed Arval Italia vi aderisce da anni con varie iniziative. Tra queste vi è il progetto Impatto Zero® portato avanti in collaborazione con LifeGate, advisor e network di sviluppo sostenibile.

Si tratta del primo progetto italiano mirato ad applicare gli intenti del Protocollo di Kyoto, riducendo le emissioni di anidride carbonica e compensandole con l’acquisto di crediti di carbonio generati da interventi di tutela e creazione di zone forestali in Italia ed in tutto il mondo.

I 3 step di Impatto Zero®?

- Valutazione dell’impatto ambientale di una determinata attività e quantificazione delle emissioni di CO2
- Proposizione di progetti finalizzati alla riduzione delle emissioni
- Compensazione della CO2 mediante i crediti di carbonio

Arval Italia dal 2005 ha scelto di aderire al progetto per ridurre e compensare l’impatto delle proprie attività: una delle principali iniziative sviluppate è legata alla compensazione delle emissioni di CO2 generate dalla propria flotta interna ovvero dalle auto aziendali assegnate ai propri collaboratori.

Annualmente quindi viene calcolato l’impatto della flotta sull’ambiente e si procede alla compensazione tramite l’acquisto di crediti di carbonio generati nello specifico da interventi di riforestazione in alcune zone del Costa Rica.

Dal 2013 inoltre l’impegno di Arval è rivolto anche ad inserire nella propria flotta veicoli sempre più sostenibili, con un tetto massimo di emissioni pari a 140 grammi di CO2/Km.

Grazie a questa iniziativa nel 2014 è stato possibile ridurre del 2,3% l’impatto ambientale nonostante un aumento del 12% dei veicoli facenti parte della flotta interna Arval. Nel dettaglio, per le emissioni relative al 2014, Arval Italia ha compensato 554.000 Kg di CO2 grazie ad interventi di creazione e tutela di 142.968 mq di foreste in crescita in Costa Rica.